31.7.06

Diario di guerra, giorno 20

Il mondo alla rovescia

Aggiornamenti in basso


Il filmato mostra Hezbollah lanciare razzi da Qana e usare abitazioni civili come scudi umani.




L'altra notte due missili israeliani hanno centrato un palazzo di Qana, città usata da Hezbollah come base di lancio per centinaia di razzi che hanno causato decine di feriti e di perdite in Israele. Il crollo del palazzo, avvenuto successivamente, ha ucciso circa 60 persone tra cui decine di bambini, 15 dei quali disabili. E' importante notare
1 - Che dall'area venivano lanciati missili, che l'intelligence ritiene fossero nascosti dentro il palazzo stesso.
2 - Che da giorni la popolazione era stata avvertita del pericolo e invitata ad evacuare dalle zone di operazione di Hezbollah
3 - Che il palazzo è crollato sulle sue vittime ore dopo il bombardamento, non essendo stato evacuato nemmeno dopo essere stato colpito
In un mondo normale, scontato ed espresso in modo non rituale il più profondo dolore per le vittime, chiunque non faccia parte della macchina di propaganda di Hezbollah, avrebbe espresso la più ferma condanna per chi è tecnicamente colpevole di questo assassinio. Cioè una gang di criminali razzisti, che spara da aree civili verso aree civili, cercando la strage di civili sia un casa propria che in quella del nemico, e commettendo un doppio crimine di guerra ad ogni razzo lanciato.

Non è successo. E anche quando Israele avrà dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio le responsabilità di Hezbollah nella strage di Qana, non c'è da avere alcuna illusione sul fatto che il torrente di odio che si sta rovesciando su Israele si indirizzi verso Hezbollah, cioè chi è tecnicamente responsabile, a termini di convenzione di Ginevra, di questa orrenda strage.

Se un luogo può essere oggetto di un attacco militare, non cessa di esserlo a causa della presenza di civili. Dall'articolo 28 della Quarta Convenzione di Ginevra:
La presenza di persone protette (civili) non può essere usata per rendere certi punti o aree immuni dalle operazioni militari (ad. es luoghi da cui si lanciano razzi).
Mettere obiettivi militari nel cuore di aree densamente popolate è una gravissima violazione della legge umanitaria e quelli che lo fanno sono responsabili dei danni ai civili causate dalla loro decisione. Riporto un'opinione dell'esperto di diritto internazionale Yoram Dinstein:
Se perdite civili dovessero risultare da un tentativo di usare scudi umani su obiettivi militari, la responsabilità ultima ricade sul belligerante che ha collocato a rischio civili innocenti.
Cioè, se Hezbollah ha usato quei luoghi e quelle aree come base militare, oltre alla responsabilità dell'uccisione di civili e ai bambini israeliani, Hezbollah sarebbe interamente colpevole anche della strage di Qana. E' alla luce di queste considerzioni che occorre esaminare le prove dei lanci di razzi di Hezbollah dall'interno di Qana, nascosti in mezzo ai civili [H/T Israel Matzav e Vital Perspective].

Aggiornamenti

13.30 - Qualche razzo Hezbollah, qualche bombardamento su obiettivi militari, a sostegno delle truppe di terra. Analisi di Haaretz: contrariamente all'incidente del 1996, stavolta l'operazione militare non si fermerà.

27 commenti:

Paolo Ortenzi ha detto...

Diciamolo chiaro: la strage di Qana e' un brutto affare per Israele.

Soprattutto perche', a differenza di questo blog, i media non rimarcano i punti che non tornano di questa tragedia:

- come mai NESSUNO evidenzia che gli Hezbollah hanno usato ancora una volta dei civili come scudi umani?

- come mai questa pratica degli Hezbollah non viene CONDANNATA?

- cosa ci facevano i civili in un edificio pericolante, dopo il bombardamento, per ore?

E' questa "logica invertita" che qui in Israele lascia stupefatti ed arrabbiati.

Ma NESSUNO dei media europei se ne da per inteso. E' molto piu' importante condannare Israele per tenere buoni coloro che, nonostante tutto, sovvenzionano e appoggiano gli Hezbollah e si rifiutano di classificarli "entita' terrorista".

Flavia ha detto...

L'unico commento a quanto si sta vivendo e a quanto esposto qui sopra è qs stupenda frase da Liberali per Israele :

Winston Churchill sull' appeasement e sugli appeasers:
"L' appeaser è colui che dà da mangiare al coccodrillo sperando di eesere mangiato per ultimo".

harry ha detto...

La reazione in Occidente mi ricorda molto quella dopo il presunto "massacro di Jenin".

Tonibaruch ha detto...

Flavia e Paolo.

Concordo su tutto.
Purtroppo uno degli scopi di Hezbollah è quello di distruggere Israele sul piano internazionale.

E ahimé, sta agendo con efficacia. Io non so come sia possibile che nel mondo si senta più slidarietà per una gang di killer nazisti che per chi se ne sta difendendo, ma è così.

Credo anche che Israele, e le IDF in particolare, abbiano delle colpe su questo piano, per come non comunicano sé stesse e per come lasciano agire la guerra psicologica del nemico.

Non è un'impresa facile: siamo dalla parte del forte, abbiamo contro un vasto schieramento di ostilità politiche, religiose, razziali molto ben intessute e terribilmente aggressive.

Ma qualcosa di meglio si potrebbe fare. Ad esempio il filmato linkato avrebbe dovuto essere rilasciato ore prima che il tam tam della strage cominciasse a fare il giro del mondo.

Wellington ha detto...

Toni, ora che TQV è in chiusura estiva cercherò di linkarti di più per dare ai tuoi posts e a tutta la vicenda la visibilità che meritano. Ho incominciato con gli ultimi due.

Tonibaruch ha detto...

Ti ringrazio molto.

Vedo che gli accessi reggono bene nonostante la chiusura e le ferie. Io finché ce la faccio, vado avanti.

Tb

harry ha detto...

Appunto, mi stupisce che la lezione di Jenin non abbia insegnato a Israele che è necessario anche saper comunicare. Ciao!

Tonibaruch ha detto...

Ciao Harry, scusa ma i nostri messaggi si sono incrociati.

Sì, dopo Jenin ocorrerebbe aver imparato molte cose. Dubito che l'uditorio sia in gran parte favorevole. Ma quanto meno si offrirebbe materiale per un dibattito.

Non per la solita fucilazione.


Tb

Flavia ha detto...

Per quanto riguarda il fatto che Israele non sa comunicare e comunicarsi. In parte è vero, in parte però le si ritorce contro il rispetto ebraico per i morti, che invece dall'altra parte vengono sventolati e usati senza pietà, e l'innato pudore. Comunque non è mai troppo tardi per una hasbarà.

Dal libano mi è stato detto che la televisione libanese praticamente manda ininterrottamente in onda le foto dei bambini morti, tutto questo da domenica mattina. Dico questo per sottolineare la differenza di stile.

E' un momento difficle, ma Israele ne ha già passati e superati ben altri. Hai detto che finchè ce la fai vai avanti. Bè, per favore, vedi di farcela.

Flavia ha detto...

Cito dal blog di Harry :

La storia renderà giustizia anche alla memoria di queste piccole creature.

Anonimo ha detto...

Che Iddio abbia pietà di voi..
La strage che dicevate, questa volta non ci sarebbe stata..è arrivata.
Che sia colpa di Israele al 100% al 90% al 50%..
che importanza ha ?
nessuna!
e la madre ammazzata con i 6 figli ?
e le altre 100.000 storie di disperazione che Israele sta creando.. nella cecità barbara di poter decidere unilateralmente tutto, per tutti ?
Valeva la pena per due soldati catturati ?
quanti madri israeliane ne piangono ben più di due ora ?
Scusate.. se perdo tempo a farvi sentire in colpa..
tanto nell'arroganza del momento..inventate ogni scusa..
appunto..
"che Dio abbia pietà di voi"
perchè gli arabi non so se ne avranno..
e come dargli torto?

Flavia ha detto...

E certo, Israele....dovevi prenderti gli attentati kamikaze, i razzi, farti prendere la terra, la capitale, farti cacciare, farti cancellare, dovevi vivere nel terrore, muta, senza difenderti, senza chiedere, senza parlare.....questo dovevi fare, Israele,perchè chi ti ha dato quella terra in primo luogo ha sbagliato, e poi perchè i tuoi morti e il tuo dolore non contano nulla.

Valeva la pena, per due miseri ebrei morti?

Che Dio abbia pietà di te, anonimo, che Dio abbia pietà di te in primo luogo, e poi di tutto il mondo, perchè se Israele cede al terrorismo, avremo ceduto tutti e avrai ceduto anche tu.

Flavia ha detto...

Copioincollo qs post da un forum per anonimo e per tutti gli altri come lui

Io parto sempre dal presupposto che la maggior parte di noi parla da Paesi democratici dove anche gli imbecilli hanno voce (come il primo ministro Norvegese nel caso che hai fatto tu).
Contrariamente, per esempio, alla stragrande maggioranza dei paesi arabi dove la democrazia non si sa manco cosa è e comanda chi ha il controllo delle armi.
Se qualcuno ha letto qualcosina, per rimanere a casa nostra, del ventennio fscista saprà anche come l'informazione era "guidata" con le veline mattutine del partito.
Non esisteva ancora la televisione ma i filmati Luce sono ancora lì a testimoniare come gli eventi venissero manipolati.
Chiaramente con la tecnologia sono diventate più facili le manipolazioni di ogni genere.
Cosa voglio dire con questo.
Prendiamo l'esempio del bombardamento di Qaana.
Gli israeliani dicono di avere avvertito da giorni la popolazione.
NESSUNO dal Libano ha CONFUTATO quanto detto dagli israeliani, il che mi lascia credere che gli avvertimenti ci siano stati.
Gli israeliani hanno effettuato il bombardamento come minacciato e ci sono state vittime civili (come mostrato da tutte le TV).
Ed anche questo è un fatto.
Gli Israeliani parlano di un'esplosione nella scuola avvenuta 7 ore dopo il bombardamento.
Il che lascerebbe supporre che c'era dell'esplosivo che è saltato tempo dopo il bombardamento israeliano.
Fino ad ora nessuna fonte libanese ha smentito l'affermazione degli israeliani.
Ci sono stati 50 morti di cui 19 bambini.
E fino a prova del contrario anche questo è un fatto.
Il Libano ha deciso per una giornata di lutto nazionale ed ora mi chiedo.
Visto che a detta dei libanesi gli israeliani hanno DISTRUTTO mezzo libano uccidendo migliaia di persone PERCHÈ SOLO DOPO QUEST'ULTIMO FATTO È STATO DECISA UNA GIORNATA DI LUTTO NAZIONALE?
Al che mi sorge un sospetto, si è fatto in modo che accadesse quello che accaduto IMPEDENDO alla gente di andare via, dopodichè stanno cavalcando l'ondata emozionale che ha colpito tutto l'occidente.
Per favore non venitemi a dire che è da mostri agire in questo modo con la propria gente perchè stiamo parlando di gente che IMBOTTISCE DI ESPLOSIVO I PROPRI RAGAZZI E LI MANDA A FARSI ESPLODERE IN ISRAELE!!!!!
E questo la dice lunga sulla considerazione che hanno delle vite dei propri concittadini, corregionali o come cavolo li volete chiamare!
E torniamo ai Paesi democratici o meno.
Quanto ho descritto sopra non sarebbe mai possibile in un Paese democratico per una caterva di ragioni non ultimo il fatto che ci sarebbe senz'altro qualcuno che smentirebbe i fatti come accaduti ... questo non avviene nei paesi non democratici dove chi osa parlare ... si ritrova con due metri di terra sulla testa.
Ed in Libano nessuno mi dica che è difficile visto che i siriani hanno ammazzato anche uomini politici che non gli leccavano il culo.

Tonibaruch ha detto...

Pardon, anonimo.

Ho cancellato il tuo commento. Il mio blog è deantisemitizzato. Se vuoi riformulare senza tirare in mezzo "il nostro D-o" e altre cose del genere, sarai pubblicato

Tb

Anonimo ha detto...

ma se gli Hezbollah usano i civili come scudi umani come mai a Qana i morti sono tutti civili??? E gli Hezbollah che li usavano come scudi dove sono?? La verita' non e' ne da una paret ne dall'altra ma sempre in mezzo. Questo e' un blog di parte quindi la verita' non e' qui...

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Tonibaruch ha detto...

ma se gli Hezbollah usano i civili come scudi umani come mai a Qana i morti sono tutti civili???


E che sono "tutti civili" chi te lo ha detto?

Tonibaruch ha detto...

Ma non era antisemita..
certo bruciava un pochino..

Nessun bruciore. Ma niente roba antisemita, né di proprio pugno, né convenientemente riportata


Non è invece legittimo invadere un paese.Punto e basta.
Nel momento in cui lo si è fatto.. inutile star a piangere.. o cavillare di chi sia la colpa..
Ci si renda conto, che è stata deliberatamente dato inizio ad una escalation, da parte di un paese che si dichiara "razionale".

Non saprei. Certo non è razionale vivere con un esercito che dichiara di volere il tuo massacro, e si attrazza ogni giorno i più per realizzarlo.

Lì ormai siamo oltre i limiti del terrorismo e si entra nella guerra vera e propria



E te lo dico TB, perchè io odio ferocemente i fondamentalisti, terroristi islamici.. (mio slogan dopo bombe madrid? "No Islam - No bombs" )
ma.. è da qualche anno che faccio fatica a capire.. a partire forse da quando iniziaste a bombardare le sedi della polizia palestinese.. a poche settimane dalla formazione del loro governo..

Boh, io non ho bombardato nessuno.
Se ti riferisci alla seconda intifada, la spiegazione è piuttosto semplice: la poliia invece che mantenere l'ordine lanciava attacchi terroristi. Visto che Israele l'aveva tra l'altro armata e in parte addestrata, ha anche ritenuto opportuno combatterla. Continuo a pensare che sia stata una scelta razionale, con nessuna alternativa sensata.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Tonibaruch ha detto...

Roberto D.

Non mi dai nessun fastidio.
Dici anche delle cose interessanti (o almeno a cui è interessante rispondere).

Ma scusa, l'istigazione al terrorismo no. Se potessi editare il commento lo farei, ma sfortunatamente ho solo l'alternativa di cancellare. Proverò lo stesso a salvare il salvabile.

Capisco che a te -come peraltro a molti altri- è impossibile capire cosa significhi essere accerchiati da gente che vuole la tua morte, lo grida, e accumula missili per realizzarlo.

Non ti auguro di vivere in uno stato grande come il Lazio circondato da vicini del genere e potenze che si avviano a diventare nucleari che li armano e li pagano.

Dici che l'azione Israeliana provochera milioni di nemici in più. Resterebbe da chiedersi perché gli sciiti libanesi, che non hanno nulla da chiedere e nulla da rivendicare in Israele abbiano fino ad oggi entusiasticamente sostenuto un partito la cui ragione di esistere è il massacro di ebrei in tutto il mondo e la cancellazione dello stato di Israele.

Credo che su molte cose si abbiano opinioni molto naif, nei casi in cui sono oneste, e non nascondono qualcosa di molto peggiore.


Tb

Anonimo ha detto...

Ha, ha, ha … se non fosse da piangere!
Ma dico … un po’ di vergogna, No …?! Figurati !!!

A questo punto persino le prove del 11/9 sono decisamente più veritiere (vedi img. Check-in aeroporto con data sbagliata, passaporto bruciacchiato, testamento … e chi più ne ha più ne metta).

VERGOGNA !!!

Tonibaruch ha detto...

Mi spice che i fatti non ti piacciano.

Continua pure a ululare senza. Che problema c'è?

Anonimo ha detto...

Israele è stata chiamata a combattere contro il terrorismo, il fanatismo religioso, contro un islam, che nega l'esistenza di un mondo in pace. Non sta combattendo solo per se stesso, ma per tutti coloro che vogliono vivere in accordo ora e in futuro: anche per me e la mia famiglia. Grazie.
Antonio B.

Anonimo ha detto...

:-) "Scudi umani" … ma che sta a dire … vedere cos’è un razzo Katyusha in queste foto !!! ma ti pare possibile che uno si face prendere per i fondelli con simili stronz…. di bassa propaganda?
:-) Sì … a quanto pare.

Katyusha rockets are fired from the outskirts of the southern Lebanese port city of Tyre into Israel. US Secretary of State Condoleezza Rice hit back at former colleagues who poured scorn on US Middle East policy, arguing that regional violence and instability were signs of a political awakening.(AFP/Samuel Aranda)
AFP - Sun Aug 6, 2006
http://d.yimg.com/us.yimg.com/p/afp/20060806/capt.sge.cgu48.060806201857.photo01.photo.default-512x341.jpg


Rockets fired by Hezbollah guerrillas from an open area are seen in the sky as they head towards Israel close to ten kilometers (six miles) from the port city of Tyre southern Lebanon, Sunday, Aug. 6, 2006. Hezbollah guerrillas killed 12 soldiers at a meeting point for reservists going to Lebanon, and pounded the city of Haifa with a heavy barrage that crushed residential buildings and caused dozens of casualties, witnesses and hospital officials said. (AP Photo/Kevin Frayer)
AFP - Sun Aug 6, 2006
http://d.yimg.com/us.yimg.com/p/ap/20060806/capt.9c7f3977c4564540ae8b0387baeef319.aptopix_mideast_lebanon_israel_fighting_akcf104.jpg

Anonimo ha detto...

Giusto una cosa: perché in un sito giustamente deantisemitizzato hanno diritto di cittadinanza frasi come "No Islam, No bombs"? Spero che si sia tutti d'accordo che il contenuto espresso da uno slogan di questo tipo è già la barbarie.
francesco b.

Tonibaruch ha detto...

Francesco b. :

sì, sono d'accordo.
Ma a cosa ti riferisci?

Dov'è che hai visto scritto "no islam, no bombs"?

Anonimo ha detto...

Деготь березовый, обладающий кератопластическим, антисептическим, противопаразитным, подсушивающим, противовоспалительным, противозудным, заживляющим действием, многие годы используется как в чистом виде, так и в составе косметических и лекарственных средств.

Лечебная сила дёгтя.

Шампунь, мыло, гель.

В предлагаемых новых косметических средствах(шампунь, мыло, гель) используется высокоочищенный берестовый дёготь. В его составе практически полностью отстутсвуют компоненты, которые не обладают лечебными свойствами.
Шампунь.
Шампунь с дёгтем - удобная форма для использования на волосистой части головы. Способствует росту и укреплению волос. Может применяться при себорее и псориазе. Шампунь наносят на волосы, намыливают и смывают так же, как во время мытья обычными(не лечебными) шампунями, процедуру повторяют 2 раза. Частота мытья может быть привычной(обычно 2-3 раза в неделю)
Дектярный гель.
Предлагаемый дектярный гуль обладает противозудным, противовоспалительным, антисептическим, противогрибковым действием. Мягкая моющая формула не раздражает кожу, что позволяет использовать данный продукт чаще других подобных лекарственных и косметичсеских средств. Гель наносят на мокрую мягкую губку, вспенивают и намыливают на кожу. Через небольшой промежуток времени тщательно смывают водой.
Дектярное мыло.
Дектярное мыло обладает редуцирующим, противопаразитным, восстановительным, противовоспалительным и анестизирующим действием. Так же дектярное жидкое мыло одно из самых эффективных, дешевых и универсальных средств от прыщей. Применять дектярное жидкое мыло рекомендуется один или два раза в день - утром и вечером. В течение 2-3 недель наступает положительных эффект. Жидкое дектярное мыло подходит любому типу лица.

Цена шампуня - 300 руб.
Мыло - 300 руб.
Гель - 300 руб.

тел. 89266551099
email pitlord2000@mail.ru