6.8.06

Diario di guerra: giorno 26

Colpi e contraccolpi


Soldati dell'IDF tra le rovine del kibbutz Kfar Gildi, colpito ieri da una salva di katiuscia che ha ucciso 12 riservisti


Mentre il governo libanese rifiuta la bozza di risoluzione che circolava ieri, e che sarà probabilmente peggiorata, il governo israeliano si riunisce per consultazioni sul proseguimento della guerra

Ieri l'offensiva missilistica di Hezbollah ha raggiunto il massimo della violenza, con 12 riservisti uccisi al nord e 3 caduti nel quartiere arabo di Haifa, dove i sentimenti pro-Hezbollah sembrano essere radicalmente cambiati . A margine, il racconto di soccoritori ebrei ed arabi che scavano insieme nelle macerie tentando di salvare vite umane.


Divisioni tra Olmert e Peretz, mentre si cerca di superare la guerra d'attrito.


Posizione IDF nel sud del Libano



L'IDF risponde intensificando l'offensiva aerea e di terra: 30 guerriglieri uccisi ieri, 14 stamattina in durissimi scontri intorno Bint Jubayil, secondo le IDF. Scoperto anche, ovviamente in un villaggio, un arsenale di 60 mortai. Bombardati 150 obiettivi a sud di Beirut e nella valle delle Bekaa. Le pressioni diplomatiche e forse il disaccordo tra Olmert e Peretz sembrano aver fatto mettere da parte , almeno per il momento, i piani di un attacco oltre i 10 km di fascia di sicurezza e specialmente a nord del fiume Litani. Ma è evidente che occorre allargare l'attacco per uscire dalla guerra d'attrito. E' probabile che questo sarà il tema della riunione di governo di oggi.
Nei territori. Arrestato portavoce del governo di Hamas e colpito un deposito di armi a Gaza.

Un giorno di festa palestinese

Alla notizia che i missili di Hezbollah avevano colpito un kibbutz e ucciso 12 persone, a Nablus sono esplosi festeggiamenti. con i consueti spari aria, i bambini hanno gioito e si sono lanciati fuochi artificiali, mentre la bandiera di Hezbollah veniva agitata per la strada. Un atto di barbarie che le agenzie fotografiche, onnipresenti in questo conflitto, non sembrano interessate a documentare.

Miracoli della propaganda Hezbollah/Reuters

Reuters, nel frattempo, dopo la denuncia di un blogger israeliano, ammette di avere truccato una foto di Beirut bombardata, aggiungendo colonne di fumo e distruzioni inesistenti.

Uno dei 57 morti di Qana, ritratto mentre si alza e cammina. Aggiornamento : l'uomo, purtroppo, era morto per davvero, come testimonia questa serie di immagini [ringrazio Orso per la segnalazione e mi scuso per l'infortunio]

Una foto Reuters, truccata in Photoshop per simulare il lancio di missili da parte di un F-16 israeliano.

Nel frattempo, l'uomo dall'elmetto verde, l'ufficiale della propoganda Hezbollah onnipresente nelle foto di Qana [qui un'analisi del lavoro teatrale fatto nell'occasione: Qana: the director's cut], appare nuovamente a Tiro, sempre mostrando disperazione all' occhio goloso delle telecamere.

Proseguendo: un'analisi di come i morti israeliani contino meno e siano meno interessanti per i media internazionali. E un resoconto della manipolazione mediatica della guerra condotta dal terrorismo, con la collaborazione più o meno inconspevole della stampa occidentale. Un piano che in altri tempi è stato ben delineato da Al Zawahiri:

“We are in a battle, and that more than half of this battle is taking place in the battlefield of the media. And that we are in a media battle in a race for the hearts and minds of our Ummah.” - Ayman al-Zawahiri, in a letter to Abu Musab al-Zarqawi


Eppure Hezbollah sta perdendo la guerra.


In occidente si ama immaginare che il mondo arabo, e certamente quello libanese, siano schierati come un sol uomo dietro Hezbollah, sospinti dalla violenza della risposta israeliana. Nella narrativa antisraeliana, il fatto stesso di aver cominciato la guerra, e di avere (si dice) unito ed esaltato un fronte contrario, sarebbe di per sé una sconfitta per Israele. Ovviamente, è vero il contrario. E non solo nel mondo arabo, dove l'Iran è temuto più di Isrele, si discute della legittimità di Hezbollah come movimento di resistenza. Ma nel Libano, trascinato in guerra da una fazione illegalmente armata che agisce per conto di potenze straniere, si allargano le faglie etnico-religiose e (pur nella rabbia contro l'attacco israeliano), Hezbollah viene discusso e isolato sia dall'opinione pubblica che dai politici non-sciti. E forse si aprono addirittura crepe nel campo sciita.

Mondo Arabo Opinista sull' Arab Times:

In what he calls “Beyond Haifa,” Nasrallah says his fighters will begin
rocket attacks deeper into Israel, south of Haifa. We wonder if
Nasrallah took any time to review his achievements in the first phase
of the war against the enemy before thinking about the next. So far his
only achievements have been causing the destruction of Lebanon’s
infrastructure and killing of innocent Lebanese. If he begins the
second phase the only result will be wiping out of whatever remains of
Lebanon’s infrastructure and killing of the rest of the Lebanese.

Libano: Raja (un noto blogger libanese, decisamente antisraeliano) la pensa allo stesso modo:

One thing must be clear to all Lebanese - and I mean ALL: what has
transpired over the past two weeks eliminates all the pretense for
Hizballah's existence as a military force.

Its proclaimed ability to protect Lebanon from Israel has summed up to nothing more than causing a fraction of the damage to Israel in retaliation. All
Hizballah can claim any kind of credit for is its ability to protect itself, and avoid elimination - small consolation to the rest of us.

Libano 2: anche il candidato alla prossima presidenza libanese cominciano a essere più aperti nella propri contrarietà a Hezbollah

I prefer, however, to voice my open disagreement with Hezbollah over the start of the war and the way it is being prosecuted. I think that candidness in times of violence and death on such a scale is needed, and that the narrowing of the gap between private and public talk in politics will yield a far healthier result in due course, and will help accelerate a workable cease-fire. (Chibli Mallat)

Libano 3: un articolo del Washington Institute for Near East Policy, Robert Rabil, un esperto di Siria e Libano descrive le divisioni etniche all'interno del Libano, e come la posizione di Hezbollah si sia degradata a seguito del conflitto.

From the moment Hizballah sparked hostilities with Israel on July 12 with a crossborder raid, Lebanon’s multicommunal society has been torn by divergent views on Hizballah. The conflict has deepened the divides between Lebanon’s political factions and communities. Central to this has been the question of how a nonstate entity, Hizballah, could monopolize the decision of war and peace for the whole country. Significantly, the majority of the March 14 coalition, which sparked the Cedar Revolution, has regretted its inability to implement UN Security Council Resolution 1559, which calls for Hizballah’s disarmament. Many Lebanese believe that their country has become an arena for settling regional scores between Israel and the United States on one side and Iran on the other, with Hizballah fighting Iran’s war.

As the fighting continued and Lebanese infrastructure was targeted, criticism of Hizballah receded but did not dissipate. Druze leader Walid Jumblat questioned Hizballah secretary-general Hassan Nasrallah’s talk of victory by asking, “To whom are you going to give the victory?” Echoing some of his colleagues in the March 14 coalition, Dory Chamoun of the Christian Liberal National Party criticized Nasrallah’s “uplifting talk of dignity” while the country suffers under Israel’s air raids to degrade Hizballah’s power.

...

Hizballah’s speedy agreement to Siniora’s plan came as a surprise to analysts and politicians. Yet Hizballah’s ministers, Trad Hamadeh and Muhammad Fneish, expressed reservations only about the mission of the UN force. Hizballah, like Syria, does not want to see a powerful international force guarding Lebanon’s borders. Despite Hizballah’s uplifting talk of “steadfastness, dignity, and victory,” the organization has suffered significantly from Israeli strikes and has come under criticism from within the Shiite community. Saddened by the level of destruction wrought on Lebanon, the prominent Shiite political columnist Jihad al-Zein published a letter addressed to Iranian supreme leader Ali Khamenei in the Lebanese daily An-Nahar last week. The crux of al-Zein’s letter questioned Iran’s use of Shiite groups in the Middle East to advance Tehran’s political interests without regard for the consequences local Shiite groups may face. Al-Zein also emphasized that although communities in Lebanon have connections with foreign powers, only Hizballah has a military relationship with a foreign state.

...

A hopeful sign that has gone unnoticed is that some independent Shiites are now trying to reclaim a voice in their community. Although Hizballah appears to have won the day, the reality is that the organization’s power has been degraded. Hizballah is exploiting the hardship of the Lebanese people and the miscalculation of the international community to win the hearts and minds of the Arab world. This reality has not gone unnoticed by the silent majority of Lebanon. As one Druze told my wife before we were evacuated from Lebanon, “Trust Allah, not Nasrallah.”
Cooperazione Usa-Turchia-Israele per la soluzione della crisi

Meanwhile, the NATO-Israel partnership reached in 2005 was also viewed by the Israeli government as an opportunity to boost the shattered image of Israel:

The more Israel’s image is strengthened as a country facing enemies who attempt to attack it for no justified reason, the greater will be the possibility that aid will be extended to Israel by NATO. Furthermore, Iran and Syria will have to take into account the possibility that the increasing cooperation between Israel and NATO will strengthen Israel’s links with Turkey, also a member of NATO. Given Turkey’s impressive military potential and its geographic proximity to both Iran and Syria, Israel’s operational options against them, if and when it sees the need, could gain considerable strength. ”

New Pro-Israeli Turkish Chief of Staff

Another crucial and related development –which has a direct bearing on the current situation in Lebanon– is the timely appointment by the Erdogan government of a new Chief of Staff. Ground Forces Commander General Yasar Buyukanit’s is slated to succeed Gen. Hilmi Ozkok in late August.

General Buyukanit is pro-Israeli. He is a US approved appointee, firmly committed to America’s “War on Terrorism”. His timely appointment at the outset of Israel’s military campaign in Lebanon bears a direct relationship to the evolving Middle East war theater.

Colpito il quartiere arabo di Haifa


Aggiornamenti

14.30 - Secondo fonti militri di Debka la centrale di lancio di missili è nella città siriana di Anjar

14.25 - Sono 60 i libanesi uccisi nelle incursioni aeree di stanotte

14. 20 - Alle considerazioni sull'isolamento di Hezbollah aggiungo l'ultimo lancio di Memri che traduce il dibattito in corso sulla stampa araba a proposito della legittimità di Hezbollah come "movimento di resistenza"

4 commenti:

Mauriziosat ha detto...

complimenti per l'immenso lavoro che stai portando avanti

Volevo farti sapere che ho usato il tuo articolo e un po delle tue fonti per scrivere , da me, qualcosa a proposito dell'atteggiamento dei media nei confronti di Israele.

Siamo in agosto e molti aggregatori sono out per ferie . si dovrebeb dare piu' visibilità possibile a queste vicende.

Paolo Ortenzi ha detto...

Tony, volevo segnalarti una cosa, rispetto alle vittime denunciate questa mattina dal PM Fuad Siniora.

Siniora, piangendo lacrime (ad uso mediatico? Mah... forse sono troppo cinico...) dice che "Israele pratica terrorismo di stato (!)" e dice che questa notte sono morte 40 persone nei bombardamenti di Hula.
Il risultato e' che "per fortuna" ci sono solo 65 feriti ed UN SOLO MORTO.
La fonte e' La Repubblica (incredibile dictu...)

http://www.repubblica.it/2006/08/dirette/sezioni/esteri/mediorient/7agosto/index.html

Paolo Ortenzi ha detto...

Ah si ti segnalo anche questo: e' stato preso anche uno degli Hizballah che ha RAPITO i due riservisti israeliani.

http://www.haaretz.com/hasen/spages/747430.html

Ciao

Uligano ha detto...

Scusate il fuoritema: scritte giganti xenofobe cominciano ad apparire un po' ovunque...dopo l'azione dei media nostrani ecco comparire le sintesi degli imbecilli metropolitani...per i particolari ti ho scritto una mail in pvt
ciao Uligano