30.11.06

Il grande freddo americano

Sorridi, sei sul TBLOG
E' nell'era Shamir il futuro prossimo di Israele?


E' difficile non sentire l'aria fredda che arriva su Israele dal governo USA.

I primi spifferi si sono sentiti durante la guerra del Libano. Ma la sconfitta di Bush alle elezione di mid-term, il capovolgimento della leadership militare, il bisogno sempre più impellente di chiudere l'avventura irakena hanno trasformato gli spifferi in una corrente ghiacciata.

James Baker, Brent Scowcroft e il gruppo di old-con che Bush ha chiamato a Washington per formulare una strategia alternativa stanno, apparentemente e direi piuttosto logicamente tirando fuori dal cassetto la vecchia politica repubblicana. Nella settimana di colloqui che Condoleeza Rice avrà con le potenze arabe dell'area, per disegnare una exit strategy dall'Irak è probabile che si parli più di Israele e palestinesi che non di Irak. Gli arabi premono per forti avanzamenti nella "soluzione" del conflitto palestinese. Ed è in questo clima che si deve leggere la frettolosa accettazione di Olmert di una tregua parziale di Hamas, che in un primo tempo era stata rifiutata e che sta venendo implementata senza aver preventivamente consultato i vertici di Tzahal.

Le pressioni rischiano di chiedere un prezzo altissimo se, come tutto lascia prevedere, anche la Siria verrà coinvolta nel processo. Il prezzo dell'accordo USA con Assad è stato già chiarito: l'abbandono del Golan da parte di Israele.

As Syrian Foreign Minister Walid Moallem was expected begin a landmark visit to Iraq on Sunday, Damascus was reportedly set to demand that Washington press Israel over the issue of return of the Golan Heights, as the price of its cooperation with the Bush administration on Iraq,[...]

Se il governo israeliano, contraddicendo la politica piuttosto prona alle richieste americane seguita fino ad adesso, decidesse di cominciare a pigiare sul freno, chiedendo che siano i palestinesi a muovere i passi richiesti (qualcuno ricorda ancora che si aspetta la liberazione di Gilad Shalit?), i rapporti Israele-USA rischiano di tornare al punto bassissimo raggiunto negli anni 90. Ma negli anni 90, alla guida del governo c'era un uomo di rocciosa testardaggine: Yitzhach Shamir. L'uomo capace di sedersi a qualsiasi tavolo, sorridere a tutti e alzarsi senza avere mai concesso assolutamente niente. L'unico premier israeliano dopo Begin a cui non sia stato chiesto di pagare da solo il prezzo della pace immaginaria, con la cessione di territorio strategico.

L'uomo che, forse non a caso, ha assicurato ad Israele il minimo degli applausi internazionali, ma il massimo della sicurezza nei decenni recenti. Ricordiamolo con questo grande articolo di Shmuley Boteach.

E speriamo che Israele sappia trovare tra le sue fila lo Shamir di cui comincia a esserci urgente bisogno.

Tecnorati tags








2 commenti:

Davide ha detto...

Shalom Toni, hai fatto un' interessantissimo lavoro in questo post,un' analisi particolareggiata della questione fà molto riflettere ,l' idea di "pigiare sul freno" non è male , il fatto oggettivo che Israele e sempre più sola ,un dato poco confortante ed il gelo glaciale da parte dell' Europa aggrava ancor più la situazione se devo essere sincero è uno dei post che mi ha fatto più riflettere negli ultimi tempi.
Shavua Tov a tutti
Davide

Anonimo ha detto...

Messaggio n°136 del 12/01/2007

PENSIONI: SOLITO TEATRINO

Leggete questo articolo in materia di dati Istat sulle pensioni dal "Corriere" e poi tornate, cari iscritti alla "lista di Schindler".

http://archivio.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2007/01_Gennaio/11/pensioni.shtml

Il pezzo si presta a notevoli considerazioni.
Salta all'occhio immediatamente il fatto che NON si fa nessuna menzione ai contributi versati. Ciò conferma ciò che abbiamo da sempre profetizzato; che intendono infischiarsene altamente dei cittadini che hanno pagato i contributi nella riforma delle pensioni.
In secondo luogo appare evidente il tentativo di intorbidare le acque creando la categoria "platonica" che va dai 40 anni ai 64 di età.
Lo scopo, studiato ad arte, è quello di confondere i lettori; accomunare come "pensionati-baby" sia il dipendente pubblico pensionato dopo 20 anni di lavoro a 42 ani di età col 100% dell'ultimo stipendio (diciamo 1200 euro mensili) con l'operaio privato andato in pensione dopo 37 anni di attività, a 57 anni di età con il 74% della media del salario degli ultimi 5 anni (diciamo 1000 euro mensili).
Nessuna menzione infatti che i baby-pensionati sono SOLO gli statali andati in pensione con MENO DI 35 ANNI di lavoro e NON i lavoratori pubblici o privati andati a riposo dopo avere pagato per 35 o più anni. Nessun accenno anche al fatto che da Roma in giù sommando pensioni assistenziali, sgravi contributivi a pensioni-baby statali praticamente NESSUNO percepisce una pensione per avere EFFETTIVAMENTE ed INTEGRALMENTE versato all'INPS per 35 anni.
Come mai? Chiedetevi soltanto di dove sono e dove stanno i parenti dei dipendenti Istat e del "corrierone nazionale".
Ancora una volta ripetiamo. Non date un centesimo all'INPS, sarebbero i denari più sprecati della vostra vita.
E se un qualche cialtrone sindacalista della Triplice, col dito puntato, vi chiede di pagare ancora contributi, per favore, sputategli in un occhio.

Canna-Power Team

http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

PODCAST: http://www.fottilitalia.com/ABpodcasting.rss